(shqip) di Albana Temali
Nel pomeriggio del 12 gennaio 2016, alla Galleria Tornabuoni di Firenze, si è inaugurata la mostra personale "Believe...!" del pittore Alfred Milot Mirashi.
Esposte alcune sue opere di scultura e pittura, con al centro un'immagine, ormai simbolo del suo percorso artistico: la chiave.
Un oggetto diventato quasi per caso soggetto dei suoi lavori e come spiega lui stesso, merito dell'ingenuità di suo figlio che un giorno si mise a manipolare una vecchia chiave, parte della sua collezione di chiavi antiche. L'ingenuità del figlio svegliò l'ingegno dell'artista e la chiave entrò a far parte dell'arte: la chiave di Milot, tanto da suscitare negli anni l'attenzione della critica e del pubblico. L'arte che fa riflettere con arte.

Un'idea confermata anche dalle parole del critico Luccio Trizzino che inizia il suo discorso di apertura della mostra parlando del concetto della riconoscibilità e dice che il nostro amico Milot ha trovato il suo oggetto di riconoscimento nell'arte contemporanea: "il nostro amico Milot c'e l'ha con le chiavi". 
Per il critico Trizzino da tempo dei tempi ci segue sempre l'idea della chiave.

La chiave come simbolo universale e riporta tanti gli esempi, per arrivare alla definizione della mostra con un detto di Carlo Levi: questa mostra è un "Mondo dove non si entra senza una chiave di magia" che altrimenti si rischia di perdersi nel turbinio delle allegorie.  "le opere di Milot liricamente tornano sempre in chiave -continua il critico - , ritrovano sempre il tono giusto, per stregare, ammagliare, avvincere, o meglio, per tener tutti sotto chiave." Lo stesso Alfred Mirashi Milot fa una breve descrizione di questo percorso creativo e dice che tutti abbiamo dei desideri nella vita ed il più forte è quello di realizzare qualcosa, in qualsiasi campo e forse nell'arte è più difficile, ma è importante crederci. La chiave, dice Milot, non serve a niente, è solo un'idea. Dobbiamo pensare tutto come se fosse aperto, nel senso che tutto dipende da noi .
Se uno crede trova sempre tutte le porte aperte, se non crede avrà sempre in mano una chiave così (e mostra la sua prima opera di questa serie di chiavi) storta, incapace di aprire qualsiasi porta. Vorrei portare avanti questa idea e credo che un giorno c'è lo farò!
Alla Galleria Tornabuoni, alla mostra "Belive...!"  sono esposte circa una trentina di opere dell'artista ed il pubblico potrà vederle fino al 2 di febbraio.

Believe
Mostra personale di Alfred Mirashi Milot
Galleria Tornabuoni
Borgo S. Jacopo 53/r
Firenze

Galleria foto

belive1


Me 12 janar 2016, ne Galerine Tornabuoni, qe ndodhet ne zemer te Firences, eshte inauguruar ekspozita personale " Believe" e piktorit Alfred Milot Mirashi. Te ekspozuara disa vepra ne skulpture dhe pikture, te clat ne qender kane nje imazh, tashme simbol i rrugetimit te tij artistik: çelesin.  
Nje objekt i kthyer ne subjekt i puneve te tij, pothuaj rastesisht. Siç e shpjegon vete artisti ishte merite e djalit te tij, qe nje dite manipoloi nje çeles te vjeter, pjese e nje koleksioni çelesave antike. Padjallezia e femijes zgjoi fantazine e artistit dhe keshtu çelesi nisi te beje pjese te arti i tij, aq sa sot njihet si: çelesi i Milotit. Nje ide , nje art qe nisi te kete ne vite vemendjen e kritikes dhe te publikut. Arti qe na ben te mendojme nepermjet artit.
Kjo u pohua edhe ne fjalet e kritikut te artit, Luccio Trizzino, i cili ne inaugurimin e kesaj ekspozite, nisi fjalen e tij me konceptin e njohjes, dallimit dhe ai thote qe Miloti e ka gjetur objektin e tij te njohjes ne artin bashkekohor: " miku jone Milot "e ka kapur" me çelesat" thote saktesisht Trizzino dhe vazhdon te sqaroje qe "ne na ndjek idea e celesave - çelesi eshte simbol universal" dhe sjell shume shembuj nga historia e njerezimit e artit e kultures dhe e perkufizon ekspoziten si" Nje Bote ku nuk mund te hysh pa nje çeles magjik" (Levi) sepse perndryshe rrezikon te humbesh ne vorbullen e alegorive.
Keshtu, sipas kritikut Trizzino "veprat e Milotit e thene ne menyre lirike " ritornano in chiave", gjejne gjithmone tonin e duhur, per te shtriguar, per te magjepsur, per te fituar ose me sakte, per te na mbajtur te gjithe nen çeles" 
Vete artisti, Alfred Mirashi Milot ben nje pershkrim te ketij rrugetimi krijues dhe thote se te gjithe kemi nje deshire ne jete qe te realizojme dicka, ne cfaredo fushe, por ne art me duket se eshte akoma me e veshtire, gjithsesi e rendesishme eshte te besosh. "Celesi, thote Milot, nuk sherben per asgje, eshte vetem nje ide. Duhet te mendojme se gjithshka eshte e hapur, ne sensin qe varte prej nesh. Nese besojme do te gjejme te gjitha portat hapur, nese nuk besojme do te kemi ne dore nje celes si ky te shtrember ( e tregon vepren e tij te pare te kesaj serie celesash), i paafte per te hapur cfaredolloj porte. Desheroj te dergoj perpara kete ide dhe besoj se nje dite do t'a arrij!"
Publiku i shumte i pranishem ne inaugurim, pati mundesine te shikoje mbi rreth tridhjete vepra te artistit ne pikture dhe skulpture, te cilat do te mbesin te ekspozuara ne Galerine Tornabuoni deri me 2 shkurt 2016.
Nje ekspozite qe te ben te mendosh e te besosh, si vete titulli qe  sistetizon idene ne titullin e saj  " Believe..!"

Believe
Mostra personale di Alfred Mirashi Milot
Galleria Tornabuoni
Borgo S. Jacopo 53/r
Firenze

deri me 2 shkurt 2016

shkrimi e foto nga Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  (C) Copyright

cerca

video

Aleksander Gashi
pianista, compositore
cittadino italiano per meriti artistici

alb@partner